Quando glamour fa rima con inclusività

Reina Olga

Quando glamour fa rima con inclusività
Di ShoppingMap.it

Posandosi sulle spiagge più belle del mondo, l’occhio non si annoia mai; dove domina la luce e dove l’oro si stempera nei toni ocra di calette sabbiose, lo sguardo viene cullato dalla sinuosità delle onde, della battigia, delle piccole dune formate dal vento.

E se un costume vestisse il corpo come un’onda avvolge di schiuma le caviglie?

Questa l’idea alla base di Reina Olga, il brand lanciato nel 2014 da Isotta e Guia Cleps, giovani imprenditrici, che hanno saputo imporre la loro idea di beachwear combinando qualità Made in Italy, glamour e stile in aggiunta ad un’accattivante immagine di inclusività diffusa a colpi di hashtag.

Reina e Olga, dal nome delle loro nonne, entrambe grandi appassionate della fantasia animalier diventata per questo uno dei leitmotiv delle collezioni, che spaziano dallo sportivo, al seducente, all’ironico.


“Non esiste bikini troppo piccolo, e non esiste sedere troppo grande” dicono le sorelle “fin dall’inizio, il pensiero che ci faceva sognare era quello di poter offrire un prodotto che stesse bene a ragazze e donne con fisici, corpi e forme diverse creare un costume per tutte”.

Ecco quindi spiegato il successo dei bikini, dei one piece dagli accostamenti fluo o dei one size pastello dal taglio morbido in tessuto super-stretch, capaci di adattarsi anche alle forme generose, da indossare con spensieratezza in abbinamento al vostro accessorio preferito.

Tag