Negozi di abbigliamento Carven nella città di Berlino | ShoppingMap.it
Apro e chiudo il menu off canvas

Negozi Carven a Berlino

Read this in english

Contatti

Sito web

Carven è un marchio d'abbigliamento per uomo e donna, nato nel 1945 e dal 2010 nelle mani creative del designer francese Guillaume Henry.

Con un curriculum di tutto rispetto, che vede collaborazioni con Givenchy e Paule Ka, Guillaume Henry imprime su ogni creazione un gusto parisian chic, urbano, femminile per la donna ed essenziale per l'uomo.

Basato su un continuo gioco di forme e volumi, linee nette e tagli precisi, spesso corti, lo stile Carven non è mai ostentato, ma basato su una semplicità sofisticata.

Dalle camicette completamente abbottonate in seta o cotone su bermuda, pantaloni alla caviglia o gonne ampie e corte, fino ad abiti mozzafiato con drappeggi fascianti e provocanti, il guardaroba Carven è sia per il giorno che per la sera.  

Reggiseni e culotte in vista, o addirittura maxi camicie che spuntano da sotto la gonna, con l'obiettivo di stupire anche grazie a dettagli che non risultano mai volgari.

Dai drappeggi ai fiocchi fino alla scelta di determinate stampe su interi abiti o completi in shantung.

Gli accostamenti sono inediti come gli abiti in tartan con inserti in pizzo, o le giacche di pelle abbinate a gonne corte, le gonne a palloncino a mini maglioncini a fantasia, i colli plissetati decorano decoltè nudi con reggiseno in vista.

I materiali, fondamentali nella creazione di un capo, vanno dal cotone al pizzo, dalla seta al jersey,fino al tweed e il cachemire.

Per l'uomo come per la donna viene presentata un'eleganza sobria, che punta tutto sui tagli e le linee pulite.

Per il giorno pantaloni di cotone si abbinano a maglie con scollo a V da bravo ragazzo, a maglie degradè per un tocco più eccentrico, o bermuda con giacche, mentre per la sera l'outfit si compone di completi scuri o chiari, con pantaloni con risvolto o senza.

Delicati i colori, sia per l'uomo che per la donna, che spaziano dal beige al nero, dal rosso al marrone, mai troppo invasivi. 

Torna su